Casa di Pirandello

Pino PirandelloA circa quattro chilometri dal centro storico e a due dalla Valle dei Templi, sorge la casa che diede i natali a Luigi Pirandello, drammaturgo agrigentino famoso in tutto il mondo.

Vi si rifugiò la famiglia Pirandello in occasione di un’epidemia di colera. E qui nacque Luigi, il 28 giugno del 1867. La “casa romita” e il “pino solitario” divennero i luoghi mitici della fantasia di Pirandello che trascorse in queste campagne l’infanzia e l’adolescenza. Nel 1949 la casa venne dichiarata monumento nazionale e poi  venne acquistata dalla Regione Siciliana.

L’edificio non ha particolari pregi artistici ed architettonici, tuttavia è divenuto nel tempo un luogo estremamente significativo per quanto riguarda la cultura mondiale e meta di studiosi o semplici appassionati dell’opera del drammaturgo agrigentino. All’interno sono contenuti cimeli, fotografie ed altro: oggetti che testimoniano la vita e le opere di Luigi Pirandello. Particolarmente significative sono le foto che ritraggono lo scrittore mentre ritira il premio Nobel, conferitogli nel 1934. A ridosso della casa, c’è un lungo e stretto viale che porta al famosissimo pino, luogo di contemplazione dello stesso drammaturgo,   ai cui piedi giace una “rozza pietra” scolpita dall’artista emiliano Marino Mazzacurati, ove sono murate le ceneri di Pirandello. Una tromba d’aria, abbattutasi sulla zona nell’autunno del 1997, ha spogliato il secolare albero della sua splendida chioma, conosciuta in ogni angolo della terra.

 

Orario di apertura al pubblico
Tutti i giorni dalle 8,00 alle 20,00
Info:
Contrada Caos, SS. 115 Villaseta  – Agrigento Tel. 0922-511826