Per motivi di ordine pubblico vietata la trasferta dei tifosi dell’Akragas a Licata

logo Comune di AgrigentoCome è noto per la partita di calcio Campobello di Licata – Akragas, prevista domenica 31 gennaio allo stadio di Licata, il Prefetto di Agrigento ha vietato ai sostenitori della squadra del capoluogo di assistere all’incontro ritenuto “ad alto rischio” per la “storica” rivalità tra i sostenitori dell’Akragas ed i tifosi licatesi. 
L’ordinanza prefettizia prevede inoltre il divieto di vendita dei biglietti di ingresso allo stadio al di fuori della città marinara con indicazione a destinare i relativi tagliandi soltanto ai residenti nei comuni di Campobello di Licata e di quello in cui si svolge l’incontro.
In esecuzione di dette disposizioni è intervenuto direttamente il comune di Agrigento. Il Sindaco Zambuto ha infatti diffidato gli uffici comunali comunque interessati all’evento sportivo predetto a non emanare alcun atto amministrativo finalizzato a favorire la trasferta organizzata di domenica prossima dei tifosi a Licata, mentre la Polizia municipale ha avuto l’incarico di vigilare sugli esercizi  commerciali  della città affinché si astengano dalla vendita di biglietti per l’incontro in questione, invitando gli stessi agenti locali ad un’attenta sorveglianza sui singoli tifosi o associazioni di questi, per impedire eventuali organizzazioni di trasferte a Licata.
“E’ il senso di responsabilità che in questo caso deve prevalere – dice il Sindaco Zambuto – per evitare che la pubblica sicurezza possa essere minacciata. Anche a costo di sacrificare, per questa volta, la passione sportiva.”

30 gennaio 2010