Il Palazzo dei Filippini (o Collegio)

Palazzo dei FilippiniII palazzo di S. Filippo Neri venne edificato nel 1703 su progetto dell’architetto agrigentino Simone Mancuso a sinistra della chiesa di S. Giuseppe; di esso si apprezza l’atrio con pozzo centrale dall’armatura di ferro e l’edificio a tre piani adiacente alla suddetta chiesa che si sviluppa lungo la “strada maestra” lungo la via Bac Bac.

La chiesa di S. Giuseppe nel 1656 fu affidata fino alla fine del secolo scorso alla Congregazione dei Padri Filippini; si introdusse così nella nostra città il culto verso il fondatore del loro ordine, cui vollero dedicare una cappella all’interno del Santuario dove fu posta la settecentesca statua in legno di S. Filippo.

Nel 1860 fu destinato a ospitare scuole superiori dedicate a Michele Foderà e realizzata a fine ottocento un scuola con gabinetti scientifici con aule di disegno. Ospitò inoltre un museo di storia naturale, un osservatorio astronomico ed una biblioteca con seimila volumi.
Palazzo dei Filippini
L’attuale piano terra dell’edificio venne invece ricavato nella seconda metà dell’ottocento, abbassando l’ingresso monumentale centrale, attraverso la rifondazione delle antiche basi in occasione del livellamento della strada maestra. La rifondazione comportò la recisione di un antico ipogeo e mise alla luce aggrottamenti e cisterne di probabile origine araba.

 

Via Atenea, 270

tel. 0922 590140 (biglietteria)

Orario visite (Determinazione Sindacale n° 156 del 04/11/2015):

  • dal Lunedì al Sabato dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 15,30 alle ore 18,30

Costo ingresso:

  • € 4,00
  • con esoneri di:
    • minori di anni diciotto;
    • gruppi di studenti di ogni ordine e grado, statali e non, ed i loro accompagnatori, su presentazione di autorizzazione rilasciata dalla competente autorità scolastica;
    • guide turistiche nell’esercizio della propria attività professionale, nonché gli interpreti turistici quando occorra la loro opera a fianco della guida, mediante esibizione di valida licenza rilasciata dalla competente autorità;
    • personale appartenente all’Amministrazione comunale dei beni culturali;
    • docenti e studenti universitari, regolarmente iscritti ai corsi di laurea in architettura, conservazione dei beni culturali, lettere e filosofia, magistero e delle accademie di belle arti, muniti di idoneo documento;
    • soggetti portatori  di handicap.

Per informazione sulle modalità e tempi di utilizzo delle sale del palazzo Filippini per iniziative telefonare preventivamente ai nnr. tell. 0922 590138 – 0922 590139