logo Comune di Agrigento

Nota del Vicesindaco di Agrigento, Elisa Virone in risposta a Francesco Picarella

“Futurista, impressionista, realista? Veramente io sono socialdemocratico monarchico e napoletano”. Ricordate “Totò cerca casa?“ È uno dei film comici più riusciti di Totò. Ecco che cosa ci viene in mente ascoltando o leggendo Francesco Picarella. Per farsi candidare, ci prova con Lega e Movimento 5 Stelle e ora Totò getta la maschera. Alla pari di tanti suoi compagni di ventura si propone senza alcuna competenza amministrativa e blatera senza saper nulla di ciò che dice, alla ricerca di allocchi pronti a credere alle chiacchiere da bar. La situazione del Comune di Agrigento non è né la migliore né la peggiore in cui versa la maggior parte dei Comuni Italiani. Enti locali privati di risorse da anni e questo lo sa bene anche il Governo che intende intervenire per salvarli da sicuro dissesto e per renderli finalmente in grado di dare risposte ai cittadini da Alessandria a Catania e speriamo anche ad Agrigento. Picarella prima di cercare casa s’informi. Ad oggi non c’è alcuna riduzione per i precari.

Tutti i dipendenti, compreso il personale contrattista, stanno condividendo con l’amministrazione un percorso di salvaguardia. Chi è digiuno di fatti amministrativi o in malafede può ignorare quale fosse la situazione finanziaria al Comune di Agrigento nel 2015, passato da 52 milioni di avanzo fittizio a 36 milioni di euro di disavanzo: un salto di 88 milioni di euro per via dell’applicazione dell’armonizzazione dei conti. Questo vuol dire che si sta pagando tutta la storia amministrativa del Comune risalente a 40 anni fa. Si stanno pagando debiti fuori bilancio per sentenze passate in giudicato risalenti a fatti trentennali, quali la vicenda degli espropri di Fontanelle. Sono scelte impopolari, coraggiose, compiute tenendo distante la più facile e disastrosa soluzione della dichiarazione di dissesto. Picarella faccia le cose buone che sa fare da cittadino attivo che ama la sua Agrigento! Continui a proporre le pregevoli iniziative delle Metropolitane Pedonali Urbane, con l’obiettivo di valorizzare il contesto urbano e aiutare le persone a migliorare il proprio stato di salute attraverso l’esercizio fisico.

Contribuisca alla formazione storico-culturale dei cittadini. Un ultimo consiglio: non si tiri indietro spocchiosamente dai tavoli in cui è richiesto il suo contributo concreto. Potremmo essere portati a ritenere a torto che non abbia nulla di serio da dire”.

Elisa Virone – Vicesindaco

13 giugno 2019